La pietra di Moor

La pietra di MoorTitolo: La pietra di Moor
Casa editrice: Editrice Nord
Anno di pubblicazione: 1995


La pietra di Moor dai poteri soprannaturali era custodita in un’impenetrabile fortezza protetta dal sortilegio, ma riuscire ad impadronirsene poteva significare la salvezza del mondo.

Un vecchio avanza in una landa desolata, stretta nella morsa dell’inverno. È notte e non si scorge alcun segno di vita. Nonostante la grande stanchezza attanagli le sue membra intrizzite, lui continua a camminare, sostenuto da una grande determinazione. Ormai sente di essere prossimo alla meta, infatti di lì a poco, scorge davanti a sè una luce palpitante e soprannaturale. Si affretta in quella direzione, presentendo che i suoi compagni sono già arrivati. Quando varca la soglia di un antro scavato tra le rocce, vede tre figure ammantate di nero sedute intorno a una fiamma cha arde senza bruciare e consumarsi. La magia emanata dalle tre figure colma l’atmosfera della caverna procandogli un istantaneo ritorno delle forze.

Senza dir nulla si siede fra loro e subito l’energia prende a scorrere dall’uno all’altro facendo vibrare l’aria. Tuttavia manca ancora uno dei compagni e il cerchio non è completo.

Le lunghe ore della notte trascorrono nella veglia; alle prime luci dell’alba si ode il battito delle ali di un grande uccello e dopo qualche attimo appare un’altra figura ammantata di nero. I suoi occhi scintillano come pezzi di brace nel volto invisibile fra le ombre del cappuccio. Il nuovo arrivato si unisce agli altri ed ora la magia potrà raggiungere la forza necessaria per compiere il sortilegio e far riapparire in quella dimensione la Fortezza di KaerDun nei cui sotterranei è custodita la Pietra di Moor dai terribili poteri.

Rispondi